Comune di Roccella, Istituto comprensivo “Coluccio – Filocamo” e Asd Calabria Fitwalking uniti per sensibilizzare i bambini ad un sano stile di vita

 

Primo step, all’ex Convento dei Minimi di Roccella Jonica, del progetto “Il Ben-Essere va a scuola. Alla scoperta  delle sane e buone abitudini di vita” che coinvolgerà le quarte e quinte classi della locale scuola Primaria in una serie di attività teoriche e pratiche volte a migliorare il benessere psico-fisico degli alunni e ad incentivare l’adozione di corretti stili di vita.

 

L’iniziativa è il frutto di un’azione sinergica che ha coinvolto  l’Istituto Comprensivo “Coluccio – Filocamo”, del quale fanno parte le classi della Primaria, l’Asd Calabria Fitwalking e l’Amministrazione Comunale di Roccella.

 

“E’ un progetto eclettico che coinvolge su vari livelli i nostri alunni,  puntando non solo al benessere fisico ma anche quello relazionale dei nostri giovani”, ha affermato la dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo Emanuela Cannistrà che ha introdotto e moderato i lavori, sottolineando anche il proprio entusiasmo per il partenariato con il Comune e il team di esperti di Calabria Fitwalking attorno a un tematica di rilievo quale è l’Educazione alla Salute.

 

“E’ una proposta innovativa e ambiziosa che ci vede in prima linea nel contribuire alla crescita culturale della nostra comunità a partire dall’esigenza di educare i bambini alla tutela del loro benessere, sulla quale auspico una maggiore sensibilizzazione da parte dei genitori”, ha dichiarato il sindaco Vittorio Zito. 

 

“Stare bene è una questione di stile e incentivare le sane abitudini a partire dai bambini, che saranno gli uomini e le donne del domani, all’interno di un’importante agenzia sociale qual è la Scuola, è un compito che ci siamo prefissati sin dal programma elettorale proprio al fine di costruire insieme alle istituzioni scolastiche, ad esperti e ai genitori, una futura collettività sana e coesa”, ha precisato, a sua volta, il consigliere delegato allo Sport e responsabile  del Progetto strategico promozione stili di vita salutari Domenico Cartolano

 

“Alimentazione e sedentarietà sono i due fattori principali dove bisogna incidere per la buona salute: un bambino alle elementari in sovrappeso è un malato cronico sicuro del futuro e questa è una responsabilità che oggi ci interpella tutti”, ha ammonito la responsabile del settore Ricerca e innovazione del Ministero della salute Maria Novella Luciani, dopo aver illustrato i  dati di indagini sul rapporto tra alimentazione, sedentarietà e obesità, problema questo la cui concentrazione al sud è molto elevata rispetto alla media nazionale.

 

“Mi auguro – ha aggiunto la relatrice - che attraverso questo progetto siano cambiate le abitudini dei ragazzi che stiamo prendendo  in carico e che l’iniziativa possa essere replicata su larga scala”.

 

Ad illustrare nello specifico le attività teoriche (l’Educazione alimentare declinata in modo interdisciplinare con le materie curriculari) e quelle pratiche (il Cammino verso il benessere) che saranno svolte per due anni nel quadro del progetto sono stati rispettivamente l’esperta nutrizionista Maria Stella Riggio ed il chinesiologo e presidente di Calabria Fitwalking Fausto Certomà.

 

 

Stefania Parrone