Avviso N.2 - Emergenza Covid-2019

immagine

 

Nuove misure per il contrasto e il contenimento sull’intero territorio nazionale del diffondersi del virus COVID-19 di cui al DPCM 4 marzo 2020

 

Il Presidente del Consiglio del Ministri in data odierna ha emanato un nuovo Decreto che definisce ulteriori misure per il contenimento del diffondersi del coronavirus COVID-19. Di seguito si riportano in sintesi le disposizioni di maggiore interesse per i cittadini.

 

 CHIUSURA DELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

 

Limitatamente al periodo intercorrente dal 5 marzo e fino al 15 marzo 2020, sono sospesi i servizi educativi per l’infanzia e le attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado. Pertanto tutte le scuole presenti sul territorio comunale rimarranno chiuse alla frequenza nel suddetto periodo.

 

 

SOSPENSIONE DI ALCUNE ATTIVITA’ DI CARATTERE SOCIALE

 

Il Decreto stabilisce la sospensione dei congressi, delle riunioni, dei meeting e degli eventi sociali, in cui è coinvolto personale sanitario o personale incaricato dello svolgimento di servizi pubblici essenziali o di pubblica utilità; è altresì differita a data successiva al termine di efficacia del decreto ogni altra attività convegnistica o congressuale.

 

E’ inoltre disposta la sospensione delle manifestazioni e degli eventi di qualsiasi natura, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato, che comportano affollamento di persone tale da non consentire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.

 

Sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato. E’ consentito, lo svolgimento dei predetti eventi e competizioni, nonché delle sedute di allenamento degli atleti agonisti, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all’aperto senza la presenza di pubblico. In tutti tali casi, le associazioni e le società sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano.

 

Lo sport di base e le attività motorie in genere, svolte all’aperto ovvero all’interno di palestre, piscine e centri sportivi di ogni tipo, sono ammessi esclusivamente a condizione che sia possibile mantenere una distanza interpersonale di almeno un metro.

 

 OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE

 

Chiunque, a partire dal quattordicesimo giorno antecedente la data di pubblicazione del presente decreto, abbia fatto ingresso in Italia dopo aver soggiornato in zone a rischio epidemiologico, come identificate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, o sia transitato o abbia sostato nei comuni di:

  •  Regione Lombardia: Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione D’Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiornao, Somaglia, Terranova dei Passerini
  •  Regione Veneto: Vò

deve comunicare tale circostanza al dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio ai numeri  0965/347353  0965/347811 nonché al proprio medico di medicina generale ovvero al pediatra di libera scelta. Allo scopo può essere altresì utilizzato il numero verde appositamente istituito dalla Regione Calabria 800767676.

 

 ALTRE MISURE RACCOMANDATE

 

E’  fatta espressa raccomandazione a tutte le persone anziane o affette da patologie croniche ovvero con stati di immunodepressione congenita o acquisita, di evitare di uscire dalla propria abitazione o dimora fuori dai casi di stretta necessità e di evitare comunque luoghi affollati nei quali non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.

 

A tutti è raccomandata l’adesione alle seguenti misure igienico - sanitarie:

 

a)      lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani;

 

b)     evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute e comunque evitare abbracci, strette di mano e contatti fisici diretti con ogni persona;

 

c)      igiene respiratoria (starnutire o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);

 

d)     mantenere in ogni contatto sociale una distanza interpersonale di almeno un metro;

 

e)      evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, anche durante l’attività sportiva;

 

f)       non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;

 

g)      coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;

 

h)     non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;

 

i)       pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;

 

j)       usare la mascherina solo se si sospetta di essere malato o si assiste persone malate.

 

 

SI RIMANDA IN OGNI CASO ALLA LETTURA DEL TESTO INTEGRALE DEL DECRETO CHE SI ALLEGA IN COPIA.

 

 

Roccella Ionica, 4 marzo 2020                               

                                                                                                                            

Il Sindaco

Dott. Vittorio Zito

 

 

Al seguente link il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4.3.2020:

/datidb/userfiles/files/DPCM%20del%204_3_2020%20_%2016_32%20.pdf

 

A questo link  è possibile scaricare l’Avviso N.2 - Emergenza COVID 2019 del Sindaco del Comune di Roccella Jonica (RC):

/datidb/userfiles/files/Avviso N_ 2 Emergenza COVID- 2019.doc

 

(postato da Ufficio Stampa Comune di Roccella Jonica)